Cersaie 2001 cifre record

Ha sfiorato i centomila visitatori
Cersaie 2001. Ancora percio’ una conferma – notano ad
Assopiastrelle, l’ Associazione nazionale dei produttori di
piastrelle di ceramica e di materiali refrattari, che organizza
la rassegna – per il piu’ importante appuntamento mondiale della
ceramica per l’ edilizia e l’ arredobagno.


L’ esposizione, dal 2 al 7 ottobre, ha in complesso
registrato 98.954 visitatori, dei quali 21.666 operatori esteri
e 77.288 italiani. In termini percentuali – viene precisato – le
presenze hanno registrato un calo dell’ 8,9%, dovuto pero’ ad
uno scenario politico internazionale fortemente condizionato
dagli eventi dell’ 11 settembre e dai relativi sviluppi.
Scomponendo il dato complessivo, si rileva poi come i
visitatori italiani siano stati 77.288, mentre sul versante
internazionale la partecipazione e’ risultata di 21.666 tra
operatori professionali e dell’ informazione, pari al 21,9% del
totale degli accessi. Risultati importanti dunque – viene
sottolineato – che confermano il ruolo internazionale di
assoluto rilievo di Cersaie, confermato anche dalla presenza di
1.072 espositori, 201 dei quali provenienti da 29 paesi esteri.
Fortissima e’ stata inoltre l’ attenzione dei media di tutto
il mondo. Durante i sei giorni della manifestazione a Cersaie si
sono infatti accreditati ben 566 giornalisti, dei quali 333
italiani – nuovo record assoluto – e 233 stranieri, che, per
provenienza e rappresentativita’, hanno confermato l’
esposizione bolognese come la rassegna di maggior interesse a
livello mondiale per i settori di riferimento. Dati tutti
insomma che riaffermano a Cersaie il ruolo di luogo di incontro
privilegiato tra il mondo della produzione, della distribuzione
e dei professionisti del mondo delle costruzioni dei cinque
continenti. Una centralita’ resa possibile anche dalla qualita’
degli incontri e dei seminari tecnici che si sono svolti nel
corso della manifestazione. Per tutti dunque appuntamento – in
conclusione – alla prossima edizione di Cersaie, sempre a
Bologna dall’ 1 al 6 ottobre 2002.