Contributi per conversione a metano e gpl

Con decreto n.83/2000 “ Incentivi per la conversione a metano e gpl di autoveicoli non catalizzati” il Ministero dell’Ambiente ha stanziato 40 miliardi per incentivare i cittadini alla conversione delle auto immatricolate nel periodo 1988-1992. L’iniziativa è finalizzata all’attuazione di politiche volte alla sostituzione dei carburanti a maggior impatto con altri più rispettosi dell’ambiente. E’ infatti noto che l’alimentazione a gas metano o GPL consente di eliminare pressoché completamente le emissioni di Benzene (cancerogeno) e di materiale particolato nei veicoli a motore e di abbattere in modo consistente gli altri inquinanti.

All’iniziativa promossa dal Ministero dell’Ambiente hanno aderito numerose città italiane, le quali hanno nominato il Comune di Parma coordinatore dell’iniziativa. Per consentire ai cittadini di usufruire degli incentivi, i Comuni che presentano i requisiti previsti dalla normativa vigente, devono approvare in Consiglio Comunale la Convenzione e lo Statuto per la realizzazione del progetto di gestione coordinata dello sviluppo dell’uso di carburanti a basso impatto ambientale. L’adesione del Comune di Sassuolo è in programma nel Consiglio Comunale di Sassuolo previsto per lunedì 29 ottobre 2001. Tra i Comuni che aderiscono all’iniziativa ed il Ministero dell’Ambiente, sono in corso di definizione le modalità con le quali i cittadini potranno accedere ai finanziamenti previsti. Il metano è da sempre il carburante più economico e costa circa 3 volte meno della benzina. A parità di prestazioni un motore alimentato a metano richiede rispetto ad un motore a benzina un costo d’esercizio estremamente più basso. E’ ormai dimostrato che le emissioni dei veicoli sono fra i principali responsabili dell’inquinamento atmosferico delle nostre città. Una risposta concreta e conveniente è il metano che, per la sua composizione e per le sue proprietà fisiche, consente di realizzare veicoli a bassissime emissioni. Il metano infatti elimina la fumosità dovuta al particolato, la produzione di ossidi di zolfo e benzene, e abbassa drasticamente le altre emissioni. Ai vantaggi per la salute si aggiungono i vantaggi economici per il minor costo d’esercizio e la maggior durata del motore del motore e del lubrificante. Le auto a metano e gpl sono esenti dalle limitazioni alla circolazione nelle aree urbane nei periodi di alto inquinamento e nelle iniziative “giornate ecologiche”.