Cala ad agosto l’occupazione nell’industria.

L’Istat segnala un -3,2% (agosto 2001 su agosto 2000) rispetto al -3% rilevato nel mese precedente. In termini assoluti essa equivale a una riduzione di circa 26 mila posti di lavoro. Al netto della cig l’occupazione presenta una diminuzione tendenziale del 3,1%. Complessivamente nei primo otto mesi del 2001, la variazione dell’occupazione nelle grandi imprese dei settori industriali, rispetto allo stesso periodo del 2000, e’ stata di -2,6%. Le variazioni congiunturali di agosto segnano un -0,5% e un -0,3% al netto della cig. La contrazione maggiore (-9,7%) si registra nel comparto della produzione di energia elettrica, gas e acqua. L’unica variazione positiva si registra nelle grandi industrie tessili e dell’abbigliamento (+1,2%).

L’occupazione cala anche nelle grandi imprese dei servizi. La variazione tendenziale, registrata sempre ad agosto segna un -0,4% che equivale alla riduzione di cira 4 mila posti di lavoro. Al netto della cig l’occupazione presenta una diminuzione tendenziale dello 0,5%. Nel periodo gennaio-agosto 2001, rispetto allo stesso periodo del 2000 la variazione e’ stata del -0,3%. A livello congiunturale si segnala una variazione leggermente positiva (+0,1%) che al netto della cig si annulla.