Le politiche sociali 2002 del Comune di Sassuolo

Lo scorso anno è stata approvata la Nuova Legge sull’Assistenza, volta a realizzare una “protezione sociale attiva” con un sistema integrato di interventi. Diverse le norme specifiche previste per la realizzazione di particolari interventi di integrazione e sostegno sociale.

Le principali linee di bilancio dell’Assessorato sassolese:
-Resta invariata l’attenzione al problema casa. L’Amministrazione Comunale conferma infatti la disponibilità ad attivare nel 2002 l’Agenzia della Casa, che preveda forme di raccordo e coordinamento tra tutti i Comuni della Pedemontana.
-A seguito del bando di concorso per il Fondo Sociale del Comune di Sassuolo, finalizzato all’erogazione di contributi integrativi, è stato possibile dare un sostegno, in termini reddituali, ai cittadini che ne hanno fatto richiesta e che rientravano nei parametri previsti.
-Quando all’interno del nucleo familiare è presente un portatore di handicap, i componenti debbono sostenere un impegno di forte entità. All’interno delle deleghe affidate dai Comuni all’Azienda Usl, si inserisce una convenzione con l’Anffas, che proseguirà nel corso del 2002, con l’ampliamento della sede presso le ex scuole Monari. Sono poi in corso d’attivazione altre convenzioni.
-La popolazione anziana rappresenta una parte numericamente significativa della società. Poiché oggi nel nostro Distretto Sanitario, non esistono posti letto dedicati a Residenza Sanitaria Assistita, si è decisa l’istituzione nel 2002 di 10 posti RSA presso Casa Serena e/o altre strutture. Accanto all’impegno a mantenere alto il livello di assistenza all’interno della struttura Protetta Comunale, la Giunta attuerà tutti gli interventi necessari per mantenere, ove possibile, l’anziano stesso nella famiglia e nel tessuto sociale.