Inquinamento: Ministero studia misure antismog

Una serie di misure strategiche per cercare di risolvere all’origine il problema dell’inquinamento nelle città italiane è stata elaborata dal ministero dell’ambiente e tutela del territorio. Si tratta di un mix di interventi che agiscono sulla qualità dei carburanti, sulle caratteristiche dei veicoli, sull’incentivazione e fluidificazione del trasporto pubblico, sul riscaldamento, sugli orari di lavoro.

Il pacchetto di interventi, attualmente allo studio dei tecnici del ministero, sarà presentato agli Assessori Regionali competenti che incontreranno il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, Altero Matteoli, il 24 gennaio prossimo.
Fra le iniziative allo studio del ministero c’è l’incremento dell’utilizzo di carburanti più ecologici come il metano, il Gpl, il biodiesel e l’accelerazione anche sul motore a idrogeno. Il ministero ha anche elaborato un pacchetto di misure per incentivare i motorini meno inquinanti anticipando l’acquisto dei motorino ‘Euro2’ ed è stato dato il via libera al programma di revisione del parco circolante. Quanto al riscaldamento, è in previsione l’ampliamento dei controlli non solo sull’efficienza delle caldaie, ma anche sulle emissioni e la messa al bando, attraverso controlli capillari, di tutte le caldaie a carbone.