Istat: famiglie meno tassate, aziende più indebitate

Meno tasse per le famiglie, più debiti per le aziende. Questa la ”fotografia” fatta dall’Istat in base alle stime elaborate con il nuovo sistema europeo dei conti nazionali e regionali.

L’incidenza del Pil sul prelievo fiscale complessivo, precisa l’istituto, è infatti sceso dal picco massimo del 44,6% toccato nel ’97 con l’eurotassa e con il prelievo straordinario sul Tfr, al 42,6% del ’99 e nel 2000 risulta in ”continua diminuzione”. Invece, tra il 1980 ed il 2000 è più che raddoppiato l’indebitamento delle società non finanziarie: da 32.505 miliardi di lire si è passati a 75.175 miliardi. Diversa la situazione delle società finanziarie. Nell’80 presentavano uno stato di accreditamento di 6.042 miliardi mentre nel 2000 l’accreditamento era nettamente migliorato, salendo a quota 18.938 miliardi di lire.