Carpi: lametta nel minestrone surgelato

La lametta, di circa due centimetri, è stata scoperta per fortuna alla prima cucchiaiata. La malcapitata protagonista dell’episodio, si è ferita a un labbro. Se l’avesse ingoiata avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi.


Il fatto viene raccontato dalla stessa protagonista ad un quotidiano locale. «L’altra sera racconta la signora Santina- io e mio marito avevamo deciso di prepararci una cena leggera e rapida. Così ho preso una busta di minestrone surgelato espresso di una nota marca, e ne ho versato il contenuto nella pentola. Quando è stato il momento di mangiare, in bocca mi sono trovata una lametta». La donna è convinta che l’oggetto tagliente si trovasse proprio nella busta del minestrone pronto da usare.
Possibile? Anche i prodotti industriali sono a rischio? La lama si è forse spezzata da un macchinario dell’azienda produttrice?
Si tratta ovviamente solo di una ipotesi, visto che non c’è la certezza che effettivamente la lametta fosse nalla busta comprata in negozio. Ora carabinieri o polizia dovranno farsi carico di questa indagine al fine di tutelare i consumatori.