Delitto Biagi: D’Antona niente bossoli, Bologna sì

C’è una differenza fra l’uso dell’arma che secondo gli esami del Ris dei carabinieri ha ucciso sia Massimo D’Antona, il 20 maggio ’99, che Marco Biagi ieri. A Roma, dove fu ucciso il consulente del ministro del Lavoro Antonio Bassolino, non fu trovato nessun bossolo, a Bologna, dove è stato ucciso il consulente del ministro del Lavoro Roberto Maroni, i bossoli sono stati trovati.

Gli inquirenti spiegano questa differenza ricordando che le Br da sempre usano una pratica particolare, riscontrata più volte in passato: legano un sacchettino di plastica o stoffa all’otturatore, così i bossoli cadono lì dentro. Nell’omicidio di Biagi, quindi, l’arma è la stessa ma non è stato usato il sacchetto che raccoglie i bossoli.