Usare cellulare più rischioso di guida in stato d’ebbrezza

Parlare al telefono cellulare
mentre si guida e’ piu’ pericoloso dello stato di ebbrezza.
E’ quanto emerge dalla ricerca scientifica commissionata da Direct Line, compagnia di assicurazione diretta leader in Europa nel ramo auto, al Transport Research Laboratory.
Secondo la ricerca, inoltre, il 91% e’ contro l’uso del cellulare al volante, ma solo quando e’ tenuto in mano.

La ricerca Direct Line – TRL, grazie a un simulatore di guida, ha misurato i tempi di reazione e le performance al volante di un campione di 20 persone. I ricercatori hanno cosi’ provato come parlare con il telefono cellulare in mano, parlare con gli auricolari o il viva-voce, consumare un quantitativo di alcol sufficiente per superare il livello di tasso alcolico concesso per legge siano tre comportamenti che impattano diversamente sulla difficolta’ di guida.
I risultati dimostrano che i tempi di reazione di chi guida con il telefono in mano sono in media piu’ lenti del 30% rispetto a chi e’ in stato di ebbrezza, mentre la percentuale sale al 50% se si fa il paragone con chi guida in condizioni normali. I test provano che chi tiene il cellulare in mano fa fatica a mantenere una velocita’ costante e a rispettare la distanza di sicurezza, impiegando inoltre mezzo secondo in piu’ a reagire rispetto a quando le condizioni sono normali e un quarto di secondo in piu’ rispetto a quando il tasso alcolico supera i limiti. I risultati mettono in luce che guidare con il cellulare in mano e’ piu’ pericoloso che usarlo a mani libere.
Tuttavia sorprende che il pericolo correlato allþuso del cellulare a mani libere e’ piu’ alto di quanto si pensi: la distrazione mentale puo’ dare origine a situazioni ugualmente rischiose.
Infatti: le attivita’ che piu’ distraggono alla guida gli italiani sono nell’ordine: leggere una rivista; mandare messaggi SMS; parlare tenendo il cellulare in mano; truccarsi; controllare la cartina stradale; prendersi cura dei bimbi seduti sul sedile posteriore; guardare persone dell’ altro sesso; rallentare per guardare incidente; bere; mangiare; guardare cartelloni pubblicitari; ammirare un auto; cambiare nastro/CD; parlare al cellulare con l’auricolare o con il viva-voce e fumare.