Delitto Biagi: irriducibile Br rivendica in aula

Stefano Minguzzi, irriducibile delle Brigate Rosse, ha rivendicato in aula a Milano, nel corso di un processo, l’omicidio del professor Marco Biagi.

Il brigatista, che oggi viene processato insieme ad altri 3 irriducibili delle Br-Pcc, per un volantino di rivendicazione dell’ omicidio di Massimo D’Antona, inviato al Corriere della sera nel ’99, ha tentato di leggere il documento ma è stato interrotto dal pubblico ministero.


“Il testo che segue – ha detto Minguzzi dalla gabbia – costituisce la nostra posizione di militanti delle Br-Partito Comunista Combattente prigionieri. Rivendichiamo l’azione del nostro gruppo nell’omicidio Marco Biagi”.

In aula si sono alzate delle voci e soprattutto quelle del pubblico ministero Stefano Dambruoso, che ha chiesto di far interrompere la lettura. Minguzzi ha comunque continuato a leggere, ma anche il presidente, Ilaria Simi De Burgis, ha interrotto la lettura e successivamente ha espulso gli imputati dall’aula.