Modena: allarme tbc in ospedale, scampato pericolo

E’ terminata in questi giorni al Policlinico di Modena la prima fase dello studio sperimentale di sorveglianza sui 40 neonati e le 42 mamme, che erano ricoverati in Ostetricia a fine novembre, in coincidenza con il ricovero di una partoriente, risultata poi affetta da tubercolosi polmonare multiresistente. Esiti negativi per tutte le mamme ed i neonati sottoposti ai test.

I controlli previsti – informa l’Azienda Policlinico – sono stati eseguiti anche utilizzando un nuovo test immunologico sperimentale non ancora applicato in Italia. In base a questo test, eseguito dal laboratorio della Clinica di Malattie dell’apparato respiratorio, due bambini e 13 mamme sono risultati positivi, “ma un approfondito esame radiologico – sottolinea il Policlinico – ha permesso di escludere la presenza di malattia tubercolare in tutti i soggetti”. L’indagine epidemiologica, avviata in novembre, è stata condotta da un gruppo di coordinamento con pneumologi, pediatri, infettivologi, medici del lavoro, igiene pubblica e direzione sanitaria di Policlinico e Asl. Per la fine di maggio è previsto l’avvio della seconda fase dello studio, con ripetizione dei controlli.