Alimentare: parmigiano reggiano, vinto primo round

Il Parmigiano Reggiano ha
vinto il primo round contro il Parmesan: il rinvio della
definizione sull’ utilizzo del termine ‘Parmesan’ per i formaggi
generici grattugiati e con additivi, deciso a Wellington, è
stato salutato come una vittoria dai dirigenti del Consorzio del
Parmigiano Reggiano, presenti in Nuova Zelanda.


”Se ne riparlerà tra due anni – ha detto il presidente del
Consorzio, Andrea Bonati – quando il sistema europeo delle Dop
sarà divenuto ancora più forte e la sentenza della Corte di
Giustizia di Lussemburgo sarà stata emessa, come auspichiamo,
positivamente sul contenzioso sempre in tema di Parmesan. In
questi giorni abbiamo visto un buon gioco di squadra da parte
dei Paesi dell’ Unione Europea, in modo particolare della
Francia e della Svizzera, che hanno sostenuto la nostra
posizione, dimostrando forza e coesione nella difesa di una
cultura alimentare evoluta, rispettosa della qualità e delle
identità territoriali. La richiesta di rinvio, presentata alla
Commissione dal delegato spagnolo in rappresentanza della UE,
aveva inizialmente incontrato l’ opposizione di Usa, Canada,
Australia, Nuova Zelanda. L’ assemblea ha quindi affrontato la
delicata questione, stabilendo il rinvio della decisione finale
alla prossima sessione del Codex.