Modena: cantieri aperti in 7 cimiteri cittadini

Gli interventi, tutti di carattere manutentivo o di ampliamento aggiuntivo, riguardano le strutture di Freto -dove sono operativi due cantieri – Albareto Nuovo, Collegara, Saliceta Panaro, Baggiovara, San Cataldo monumentale, San Cataldo Aldo Rossi.

Finanziato direttamente dal Comune per oltre 2,5 miliardi, prende corpo, dunque, un pacchetto di opere tra i più significativi degli ultimi anni. Accanto ai tanti lavori di rifacimento, in molti dei sette cimiteri sede di cantiere sono previste anche opere di ampliamento. Complessivamente saranno realizzati 872 nuovi loculi, 222 cellette per resti mortali, 62 tombe a sterro, 288 tombe a terra, 48 tombe di famiglia e un ossario. “Otto cantieri che confermano un impegno assunto all’inizio della legislatura”, come ha sottolineato l’assessore ai lavori pubblici Stefano Bonaccini. “Entro il 2004, così come abbiamo indicato nel piano degli investimenti, tutte le strutture cimiteriali frazionali saranno interessate da interventi di ampliamento o di manutenzione” Certamente fra gli interventi più significativi, nel cimitero di Freto i lavori interesseranno sia la struttura esistente, dove saranno realizzate 180 cellette per resti mortali, una camera mortuaria unitamente ad alcune manutenzioni, sia la realizzazione dell’ampliamento con 160 nuovi loculi, 220 posti per inumazioni, 14 lotti per tombe a sterro, 10 cappellette e un ossario per inumazioni. Nel cimitero Albareto nuovo, dove i lavori sono stati consegnati nei giorni scorsi, saranno edificati due blocchi per un totale di 128 nuovi loculi. Intervento di ampliamento anche nei cimiteri frazionali di Collegara e Saliceta Panaro. Nel primo sono previsti 96 nuovi loculi, 6 tombe a sterro, 42 resti mortali, 24 spazi a terra per inumazioni e 8 cappellette. Lo stesso cantiere curerà, poi, la realizzazione del blocco servizi comprendente una camera mortuaria, magazzini e depositi, servizi idrici e igienici. Nel cimitero di Saliceta Panaro, invece, saranno costruite 3 cappellette, 10 tombe a sterro e 44 spazi per inumazioni. A Baggiovara (nuovo) i lavori prevedono la realizzazione di 16 cappellette e 16 tombe a sterro. All’interno del Cimitero di San Cataldo, nel nuovo blocco disegnato dall’architetto Aldo Rossi, saranno ricavate 10 aree per altrettante tombe a sterro mentre nella parte monumentale i lavori interesseranno la parte sud ovest della copertura che verrà sottoposta ad interventi di rimaneggiamento totale del manto. Ancora non accantierati, ma ormai prossimi agli appalti, infine, gli interventi di ristrutturazione sulla struttura esistente del cimitero Albareto vecchio e di ampliamento a Santa Maria di Mugnano.