Modena: promozione turistica, fondi regionali

Saranno destinati soprattutto all’Appennino i fondi regionali per la promozione turistica messi a disposizione in questi giorni della Provincia di Modena. Si tratta di oltre 200 mila euro che saranno impiegati per finanziare l’attività degli uffici turistici e le iniziative di enti e associazioni con particolare attenzione alla montagna.


“La montagna modenese rimane una priorità assoluta – spiega Mario Lugli, assessore provinciale al Turismo – perché rappresenta un settore chiave per l’economia di questo territorio, un punto di eccellenza nel panorama turistico regionale e, soprattutto negli sport invernali, anche nazionale. Quest’anno nel destinare le risorse regionali abbiamo puntato sul potenziamento dei servizi di informazione e accoglienza, il turismo invernale, le iniziative legate al turismo familiare e a quello ambientale”. In particolare metà dei fondi saranno destinati agli uffici turistici di Modena, Carpi, Sassuolo, Fiumalbo, Pavullo, Pievepelago, Sestola, Vignola e Zocca. L’altra metà servirà a finanziare le manifestazioni turistiche, tra cui figurano il programma dedicato ai bambini e alle famiglie che si svolgerà nella prossima estate nei comuni di Sestola, Fanano, Montecreto e Riolunato, il calendario di “Natura W” con escursioni e soggiorni nelle aree protette promossi dal Consorzio Valli del Cimone e la promozione delle stazioni invernali del Cimone, delle Piane di Mocogno e del Centro di fondo Boscoreale a Piandelagotti. Tra le altre iniziative finanziate ci sono anche il Festival internazionale di filosofia, Balsamica e Modena terra di motori.