Formula 1: Schumacher ottimista per Gp Monaco

E’ ormai quasi una tradizione che Michael Schumacher inizi la settimana del Gran Premio di Monaco con una partita di calcio. Domani alle 19, il campione del mondo sara’ in campo a Mentone per una gara di beneficenza fra la Nazionale Piloti ed una selezione di stelle guidata dal Principe Alberto di Monaco.


Finite le fatiche calcistiche, Michael sara’ da mercoledi’ in pista per tornare al suo lavoro di pilota su uno dei suoi tracciati preferiti. ”Il Gran Premio di Monaco e’ una sfida – ha detto sul sito Media della Ferrari – Correre ad alta velocita’ fra i guard-rail e’ faticoso ma, al tempo stesso, estremamente motivante proprio perche’ e’ cosi’ stretto. Mi piace molto guidare qui. Ci sono tante curve cieche, che lo rendono particolare: non vedo l’ ora di correrci”.
In qualita’ di rappresentante della Gpda (l’ associazione dei piloti di F.1), Schumacher e’ sempre molto sensibile all’ aspetto sicurezza e non puo’ non considerare questo tracciato decisamente critico sotto questo profilo. ”Chiaramente Monte Carlo non e’ uno dei circuiti piu’ sicuri, su questo non ci sono dubbi – ha sostenuto ancora – Ogni anno ci chiediamo il perche’ continuiamo a correre qui ed ogni anno decidiamo di tornarci: in qualche maniera, e’ una cosa curiosa. Probabilmente pensiamo che e’ solo una delle 17 gare della stagione e che una volta l’ anno possiamo prenderci questo rischio, con tutte le dovute cautele.
Bisogna veramente evitare qualsiasi manovra rischiosa perche’ si rischierebbero guai seri”.
La scorsa settimana la Scuderia Ferrari ha lavorato tantissimo in preparazione di questa gara. Schumacher ha girato per due giorni a Fiorano sulla pista privata del team, le cui caratteristiche sono paragonabili a quelle di Monte Carlo. Il secondo giorno il pilota, che ha lavorato principalmente sull’ assetto della F2002, ha completato 126 giri, il piu’ veloce nel tempo di 58”326, record del tracciato. Per questo si e’ detto fiducioso per la prossima gara: ”Penso che la F2002 andra’ bene anche a Monte Carlo. La macchina ha gia’ intrinsecamente molto carico aerodinamico, un fattore molto importante su questa pista. Anche dal punto di vista meccanico siamo messi bene e la Bridgestone portera’ una gomma adatta alle caratteristiche del tracciato. Sono piuttosto ottimista sulla nostra competitivita”’.