Da domani caos nei trasporti

Da domani e fino al 30 giugno una serie di agitazioni e astensioni dal lavoro mettono in serio pericolo la regolarita’ dei trasporti. Le proteste riguarderanno soprattutto il settore aereo, ma anche quello dei tram, del metro’, degli autobus e dei traghetti. Entro la fine del mese sono 14 gli stop programmati nei prossimi 18 giorni.


Ecco il calendario delle astensioni:

13 giugno: si fermera’ tutto il personale del trasporto aereo aderente al Sulta, l’organizzazione che rappresenta per lo piu’ il personale di terra delle compagnie. Ci potranno inoltre essere disagi per i passeggeri della Tirrenia. Un’organizzazione sindacale autonoma ha infatti indetto uno sciopero che potrebbe influire sul normale svolgimento dei servizi. Le corse delle navi dovrebbero comunque essere assicurate e saranno comunque garantiti i servizi essenziali che riguarderanno le linee tra Genova e Porto Torres, tra Civitavecchia e Olbia e tra Civitavecchia e Cagliari.

14 giugno: ci saranno difficolta’ per i bagagli a Fiumicino e Ciampino per la protesta dei dipendenti di Aeroporti di Roma. Revocato, invece, lo sciopero indetto, sempre per il 14 giugno, dal sindacato di base di Sea e Sea Handling degli aeroporti di Linate e Malpensa.

17 giugno: la protesta si sposta a Bari, dove sciopereranno i controllori di 8 sigle sindacali.

19 giugno: si prospetta come una giornata di possibile black-out dei voli sia in Italia, sia in Europa: si fermeranno infatti gli uomini radar italiani, francesi, spagnoli, portoghesi e greci. Uno sciopero ‘bianco’ verra’ invece effettuato dai controllori tedeschi, svizzeri e britannici. Lo sciopero e’ stato indetto dall’organizzazione europea degli addetti al controllo del traffico aereo; a livello nazionale la protesta e’ indetta dal Licta, una tra le maggiori organizzazioni di rappresentanza dei controllori di volo. Lo sciopero creera’ quindi notevoli disagi in Italia da mezzogiorno alle 16 e, a causa della parallela protesta europea, le difficolta’ potrebbero estendersi anche ai voli intercontinentali.

21 giugno le difficolta’ si spostano sui trasporti locali, dove e’ previsto uno sciopero di 8 ore.

25 giugno: nonostante l’invito a posticipare di un giorno tre scioperi dei controllori di volo proclamati a livello locale, questi scioperi non sono stati al momento differiti. Sciopereranno quindi i controllori di Genova (dalle 11 alle 15), di Napoli (dalle 10 alle 14) e di Brindisi (dalle 12 alle 16). Quest’ultima agitazione, in particolare, creera’ notevoli disagi a livello nazionale in quanto sciopereranno gli addetti ad una struttura che controlla un quarto del traffico aereo del Paese.

26 giugno: e’ in programma uno sciopero nazionale, dalle 12 alle 16, dei controllori aderenti alla Cisal e alla Cila. Dal 26 potrebbe essere difficile viaggiare anche in auto a causa dell’annunciato fermo dei benzinai autostradali. I gestori degli impianti hanno infatti annunciato che se non verra’ trovata un’intesa entro il 19 giugno, dal 26 scattera’ una tornata di chiusure a scacchiera.

28 giugno: e’ infine programmato uno sciopero dei piloti di Alitalia e Alitalia Team: in questo caso, tuttavia, lo sciopero sara’ ‘virtuale’ e non avra’ dunque conseguenze per l’utenza. Possibili file ai caselli potrebbero infine verificarsi il 28 e il 30 giugno per lo sciopero del personale Cgil di Autostrade.