Modena: atmosfere ducali nelle ”Serate Estensi”

Concerti, sfilate e cortei in costume, mostre, banchetti: da domani al 30 giugno Modena
tornerà a calarsi nelle atmosfere ducali per l’ undicesima edizione delle Serate Estensi, le ormai tradizionali rievocazioni storiche d’inizio estate.


Le svariate iniziative in programma si svolgeranno nella cornice dei luoghi più suggestivi del centro storico, e in particolare in piazza Grande, a fianco del Duomo che l’ Unesco ha dichiarato ”patrimonio dell’ Umanita”’. I bambini e la musica saranno i due fili conduttori di questa edizione. La Grande sfida estense di venerdì prossimo (durante la quale varie squadre di adulti si contenderanno l’ ambita Secchia rapita) comprenderà anche una gara dedicata ai più piccoli, e sempre ai bambini sarà dedicata la sfilata di moda in piazza Grande (domenica prossima) con le creazioni della griffe I Pinco Pallino di Imelde e Stefano Cavalleri.
E sarà poi ispirato ai festeggiamenti per il battesimo del piccolo Francesco III, futuro duca di Modena, nato nel 1698, il Grande spettacolo estense di domenica 30. Alla musica di epoca
estense sarà invece dedicata una mostra di antichi strumenti musicali a pizzico, a fiato e a tastiera dei secoli XVI e XVII, messi a disposizione dalla Galleria Estense e dal liutaio Lorenzo Frignani: l’esposizione sarà suddivisa in varie sedi,
dalla Galleria Estense alle sale del Palazzo Comunale, dal Caffè concerto di piazza Grande.
Le Serate Estensi comprenderanno anche tre concerti di musica classica, tutti con solisti ed ensemble di livello internazionale, in chiese e auditorium cittadini. Si rinnoveranno poi, anche quest’anno, alcuni fra gli appuntamenti
piu’ attesi delle Serate Estensi, dal torneo della quintana al calcio storico, fino alla ricostruzione di un antico mercato d’ epoca estense (sabato prossimo), con danze, cantastorie, cartomanti, spettacoli di burattini e perfino un falconiere:
nella stessa serata si svolgeranno il banchetto dei nobili in costume in piazza Torre, e il banchetto popolare aperto al pubblico, in piazza Grande.
Gli stand a disposizione saranno raddoppiati rispetto allo scorso anno, e prevederanno una rassegna di nuovi, curiosi mestieri.