Modena: nove giorni all’insegna dell’arte

Nove giorni dedicati all’arte contemporanea con mostre nelle gallerie, performances, installazioni, rassegne video, incontri, apertura degli atelier, visite guidate e feste. E’ ciò che propone, dal 3 all’11 ottobre, nel centro storico di Modena, la seconda edizione di ArteinContemporanea, promossa dall’Ufficio giovani d’arte dell’assessorato alla Cultura del Comune e realizzata in collaborazione con il coordinamento giovani artisti dell’Emilia-Romagna.

La selezione svolta in seguito ad un concorso regionale – la commissione era composta da Velerio Dehò, Walter Guadagnini e Peter Weiermair – ha individuato gli oltre cinquanta artisti che partecipano alla manifestazione esponendo le loro opere nelle gallerie San Salvatore, Punto Arte, 42 contemporaneo, Artealcontrario e nello studio Rolando Paolo Guerzoni (inaugurazione delle mostre venerdì 4 ottobre alle 17). All’interno di ArteinContemporanea, nella sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, in via Emilia centro, viene presentata anche la mostra “Transit giovani artisti tra Linz e Modena”, frutto di uno scambio culturale tra le due città gemellate. Tra gli eventi in programma, la performance “Tauchen” dell’artista berlinese Wolfgang Spahn, in programma il 5 ottobre in piazza Grande con proiezione sul Duomo e musica live, e il “Visual Art & Dj Set Party” al Caffè concerto, presentazione dei progetti di web e photo selezionati all’interno del concorso internazionale “Moveup”, promosso dal portale di fotografie “Virtual Gallery.Fotomodo”. “ArteinContemporanea – spiega l’assessore comunale alla Cultura Gianni Cottafavi – è un’invasione pacifica di strade, piazze e spazi del centro storico della città, da parte di artisti e opere, una sorta di incontro e di dialogo tra creatori d’arte e cittadini. Per nove giorni Modena si anima di iniziative e di eventi dedicati all’arte contemporanea dando rilievo soprattutto alle realizzazioni degli artisti più giovani, allo scopo di conoscere e sondare le ultime ricerche artistiche e i nuovi linguaggi espressivi. La provenienza degli artisti e l’ambito di indagine è quello relativo al territorio della Regione Emilia-Romagna. Anche quest’anno – conclude Cottafavi – riproponiamo, incrementandolo ulteriormente, il coinvolgimento di aziende e di operatori economici e professionali nell’istituzione di premi-acquisto finalizzati al sostegno del lavoro dei giovani artisti e all’incremento del collezionismo d’arte contemporanea”. Informazioni al numero 059 206604.