21 settembre: giornata mondiale lotta Alzheimer

Una festa per dire che la vita vale anche “Oltre gli anni”. E quella che propongono il Centro servizi al volontariato e l’associazione GP Vecchi “pro Senectute et Dementia” oggi, sabato 21 settembre, dalle 10,30 e fino alle 19,30, in occasione della nona Giornata mondiale per la lotta all’Alzheimer.

Nello stand allestito in piazza Matteotti a Modena è prevista anche la presentazione del libro “Visione parziale. Il diario di un malato Alzheimer” di Cary Smith Henderson, un professore di storia dell’Università della Virginia che, dopo aver ricevuto la diagnosi nel 1985, tra l’autunno del 1991 e l’estate del 1992 ha raccolto pensieri e sensazioni su una quarantina di cassette del suo registratore. Le foto di Nancy Andrews, fotografa del Washington Post, documentano la vita quotidiana di Cary in quei mesi. Sempre oggi è in programma un seminario di formazione riservato ai medici di medicina generale: “Diagnosi precoce, presa in carico e follow-up del paziente demente da parte del medico”. Le due iniziative fanno parte del programma promosso dal Comune di Modena e dal Distretto 3 dell’Azienda Usl nell’ambito delle attività previste dal coordinamento provinciale. Il primo appuntamento è stato il seminario di giovedì scorso, dedicato alla malattia e “al ruolo delle istituzioni nell’evoluzione della rete dei servizi”. Le iniziative proseguono lunedì 27 settembre (ore 18, fondazione San Carlo) con la conferenza di Roberta De Monticelli, professore di Filosofia moderna e contemporanea all’Università di Genova: “La mente, il cervello (e la malattia)”. Sono in programma anche due film alla sala Truffaut: martedì 24 settembre (ore 20,30) “Iris, un amore vero” di Richard Eyre” e mercoledì 25 “Tempo vero” di Daniele Segre (partecipa anche il regista).
Giovedì 26 settembre (ore 18, Sala delle Dame dell’istituto Venturi, via dei Servi 21 a Modena) Domenica Pirondini, docente di Storia dell’Arte svolge una conferenza su “Ricucire lo strappo (l’arte figurativa fuori dalle regole)”. Il programma di iniziative si conclude venerdì 27 settembre (ore 20,30, teatro San Giovanni Bosco in via S. Giovanni Bosco 150 a Modena) con lo spettacolo teatrale “A… come non so” di Carlo Pontesilli, attore e regista.