Un mare di suoni e visioni in piazza Grande a Modena

Concerto multivisivo e performance di suoni e luci. Si potrebbe definire così lo spettacolo “Tauchen” che l’artista berlinese Wolfgang Spahn proporrà in piazza Grande, questa sera alle 21, in occasione della seconda edizione di “ArteinContemporanea”. “Tauchen” è una messa in scena di immagini, ritmi e suoni che cerca di occupare gli spazi per modificarli e riempirli di vita nuova.

Per un’ora e venti minuti, lo spettatore è travolto da una successione di forme proiettate sul Duomo di Modena che raccontano di luoghi lontani, dove lo spazio viene modificato da strutture e collage di colori in grado di offrire, con grande ricchezza di dettagli, l’impressione di “immergersi” in un affascinante mondo magico. Nel loro movimento le immagini interagiscono direttamente con la musica elettronica strumentale, scritta e prodotta da Michael Melklebach, ed eseguita dallo stesso musicista e da Milan Morgenstern alla tromba, al piano elettronico, al contrabbasso e ai flauti. La parte visiva è ideata da Wolfgang Spahn: le immagini nascono da foto elaborate tramite collage e miniature dipinte su materiale fotografico. I dettagli tecnici, come gli effetti a specchio e le dissolvenze incrociate, sono quasi impercettibili e formano un continuo movimento armonico di immagini attraverso lo spazio. Al termine della performance, il Caffè Concerto propone, a partire dalle 23, il “Visual art & Dj set party”, condotto da Spectracom Groovelab, nato a Modena nel 1997 per lo sviluppo e la creazione di elementi foto-video e musica elettronica. Spectracom propone per la serata “Electric Audiovisual Menu”, dove l’intreccio di suoni e immagini dà vita a diverse forme di linguaggio e a nuovi ambienti audio-visivi.