Roteglia: direttore banca blocca rapinatore

Il direttore dell’agenzia di Roteglia di Castellarano del Banco di S.Geminiano e S.Prospero e’ riuscito a bloccare e a trattenere fino all’ arrivo dei carabinieri uno dei tre rapinatori che stamane hanno assaltato il suo istituto, nonostante nella colluttazione gli abbia inferto diversi colpi di cutter, uno dei quali, profondo, tra il mento e il collo.


L’uomo, Davide Bertelli, 34 anni, di Montefiorino (Modena), ex carabiniere ausiliario a Bologna, e’ peraltro gia’ stato dimesso dall’ ospedale, mentre nel comprensorio ceramico reggiano e’ stata avviata una caccia all’ uomo (nove le pattuglie coordinate dalla centrale operativa del comando provinciale) per cercare i due complici fuggiti del rapinatore bloccato, di cui si sa che e’ un siciliano con precedenti specifici. C’ e’ riserbo, infatti, per non compromettere le indagini, che hanno permesso ai militari di recuperare gran parte del bottino, 30.000 euro. Mancherebbero solo 1600 euro.
Bertelli era nell’ ufficio con un vicedirettore e un cliente quando e’ entrato uno sconosciuto, chiedendo dove fossero le casse. Il direttore, un uomo dal fisico massiccio, ha chiuso la porta e ha ingaggiato una prima colluttazione, ma il complice ha sentito i rumori, ha sfondato la porta a vetri e ha dato man forte al malvivente. A quel punto Bertelli ha ordinato di aprire le porte, consentendo ai due, attesi da un ‘palo’ all’ esterno, di fuggire. Ma si e’ lanciato al loro inseguimento. Dietro un condominio, una seconda colluttazione a tre, nel corso della quale al bancario e’ stata inferta la profonda rasoiata al mento, oltre a ferite varie alle braccia e al torace, fortunatamente lievi. Grondando sangue, l’ ex carabiniere ha dato l’ assalto decisivo al bandito, che e’ riuscito a bloccare definitivamente nella rampa di un garage.