Elettrosmog: finita sperimentazione in Emilia-Romagna

Il ministro Gasparri tranquillizza gli italiani. L’inquinamento elettromagnetico nel nostro paese e’ largamente al di sotto dei limiti di legge che sono tra i piu’ bassi in Europa.
E’ questo il primo risultato di un’indagine, ancora in fase sperimentale, voluta dal ministero delle Comunicazioni e dagli enti locali, per controllare le emissioni elettromagnetiche.


“I livelli fin qui monitorati – ha sottolineato il ministro nel corso di una conferenza stampa – “sono di grande salvaguardia per la salute”.
La sperimentazione, conclusa in Emilia Romagna, Toscana e Lazio, ha infatti fornito elementi rassicuranti. Nelle aree urbane dell’Emilia Romagna sono stati registrati valori massimi di 0,6 volt metro(i giorni di rilevamento sono stati 582, pari a 13.868 ore), in Toscana di 1,9, nel Lazio di 4,9. Tutti inferiori ai 6 volt metro disposti dalla legge nazionale all’interno degli edifici e che costituisce un livello largamente al di sotto di quanto previsto in Francia, Germania e Inghilterra dove sono consentiti limiti di esposizione fino a 58 volt metro.