Agricoltura: colpo di fuoco batterico

Potranno essere bruciate nella azienda le potature di piante colpite dal Colpo di fuoco batterico (Erwinia amylovora). Lo consente un’apposita ordinanza provinciale.

Il presidente della Provincia di Modena, Graziano Pattuzzi, ha infatti dato disposizioni affinché, in 29 comuni del modenese, sia consentito ai frutticoltori ” la combustione diretta in campo, anche in deroga a qualsiasi norma contraria, di tutti i residui di potatura derivanti dai frutteti di pomacee ed altre specie ornamentali spontanee e coltivate, sensibili al Colpo di fuoco batterico” .

La disposizione, della durata di sei mesi, è necessaria la fine di contenere le possibilità di diffusione della batteriosi di Erwinia amylovora.

Tra i comuni interessati figurano: Bastiglia, Bomporto, Campogalliano, Camposanto, Carpi, Castelfranco, Castelnuovo, Castelvetro, Cavezzo, Concordia, Finale, Formigine, Medolla, Mirandola, Modena, Nonantola, Novi, Ravarino, San Cesario, San Felice, San Possidonio, San Prospero, Savignano, Soliera,
Spilamberto e Vignola.