Giovedì taglio del nastro per ‘La Buona Tavola’

Sta per iniziare ‘La Buona Tavola’, importante manifestazione enogastronomica organizzata da Sgp e dedicata alle eccellenze alimentari tipiche che ospiterà, a partire da giovedì prossimo 18 novembre fino a domenica 21 presso il quartiere fieristico di Modena, oltre duecento espositori di specialità emiliane, romagnole e lombarde

Giovedì sarà la giornata inaugurale, che vedrà susseguirsi la presenza di numerosi personaggi importanti per il mondo dell’enogastronomia locale e nazionale. Sarà presente infatti il noto giornalista Paolo Massobrio, presidente del Club Papillon, che visiterà il padiglione espositivo anche per trarre idee in vista della realizzazione de ‘Il Golosario’.
Inoltre, all’inaugurazione, prevista per le ore 18,30 aranno presenti l’Assessore alle Attività Produttive della Regione Emilia Romagna, Duccio Campagnoli, il Sindaco di Modena Giorgio Pighi, il Presidente della Provincia Emilio Sabattini, il Presidente Camera di Commercio Alberto Mantovani, il Presidente Provinciale e Regionale della Confcommercio Pietro Blondi, il Presidente della Coldiretti di Modena Vanni Girotti, il Presidente Commissione Consiliare Attività Produttive della Regione Emilia Romagna Graziano Pini.

Nell’ambito della manifestazione, sempre nella giornata di giovedì 18 novembre, alle ore 15,00 presso la Sala Incontri si svolgerà il convegno intitolato “Valorizzare i Prodotti Tipici attraverso la Ristorazione”. Questo appuntamento è realizzato in collaborazione con il Consorzio “Modena a Tavola” e vi parteciperanno alcuni protagonisti di spicco, come Graziano Poggoli, Assessore all’Agricoltura e Alimentazione della Provincia di Modena, Mario Lugli, vicesindaco di Modena e Assessore Cultura e Turismo, Vinicio Sighinolfi, presidente del Consorzio Modena a Tavola, Giorgio Cappi, Responsabile Scuola Regionale della Ristorazione Emiliana, Franco Buontempi, vicedirettore di Confcommercio.
L’incontro sarà un’ulteriore occasione per ribadire lo sforzo congiunto che è necessario mettere a punto per elevare la tipicità da parte della ristorazione.
In particolare, verrà messo in evidenza il ruolo da sempre svolto dalla ristorazione e dalle antiche osterie nella valorizzazione della tipicità, evitando, d’altra parte, il rischio di vedere perso questo prezioso patrimonio, elemento essenziale della nostra cultura.