Interessi: l’Abi ricorre a Consulta e Corte Ue

Il sistema bancario italiano ricorrerà alla Corte costituzionale e alla Corte di giustizia europea sulla pronuncia della Corte di Cassazione che si è pronunciata contro le banche sull’anatocismo, ovvero la capitalizzazione degli interessi.

Lo ha annunciato il presidente dell’Abi Maurizio Sella, al termine della riunione del comitato esecutivo.

“E’ intenzione del sistema bancario – ha spiegato Sella – esperire ogni tutela dei propri diritti anche attraverso il ricorso alla Corte costituzionale e alla Corte di giustizia europea. Siamo convinti di avere ragione e che le banche nulla debbono”.

“Per decenni e fino al 1999 la Corte di Cassazione ha costantemente riconosciuto la legittimità della capitalizzazione trimestrale degli interessi” ha aggiunto Sella.