Modena: effetti della Finanziaria su bilanci enti locali

Sarà un gruppo di lavoro composto dai sindaci e dagli assessori al Bilancio dei Comuni capodistretto a monitorare gli effetti della prossima Finanziaria sui conti degli enti locali nel prossimo anno.

La decisione è stata presa dalla Conferenza dei sindaci con l’obiettivo di analizzare nel dettaglio “le ricadute delle scelte del governo sull’andamento dei tributi e delle tariffe locali” spiega l’assessore provinciale al Bilancio Stefano Vaccari al quale è affidato il compito di coordinare il gruppo di lavoro che si integrerà con l’attività già svolta dall’Osservatorio provinciale sulla Finanza locale.

“Sarà un servizio utile anche all’opinione pubblica – aggiunge Vaccari – e permetterà agli amministratori di operare scelte il più possibile omogenee, almeno per bacini territoriali, in modo da garantire ai cittadini equità e trasparenza nella definizione, per esempio, delle aliquote dell’Ici, delle tariffe dei servizi a domanda individuale, della tassa sui rifiuti o dell’addizionale Irpef”.

La proposta, avanzata nella seduta straordinaria della Conferenza provinciale delle autonomie locali dal sindaco di Bomporto Giuseppe Rovatti, prevede una prima fase di attività del gruppo di lavoro dedicata all’analisi delle proiezioni degli effetti della Finanziaria 2005 in discussione in Parlamento. La seconda fase, invece, riguarderà le scelte effettive comportate dalla manovra governativa sui bilanci degli enti locali modenesi.