Modena: ‘III Settimana della cultura d’impresa’

Migliorare l’efficacia della comunicazione, rafforzare le relazioni con l’ambiente sociale, valorizzare il ruolo nella società e nel mercato: sono molte le motivazioni che sempre più spingono le imprese a essere presenti nel campo delle attività culturali. Accanto alle tradizionali espressioni di mecenatismo e di promozione dell’arte stanno emergendo anche in Italia nuove modalità di partecipazione alla gestione dei beni culturali che offrono alle imprese spazi da protagonista.

E nel binomio impresa-cultura emerge con sempre maggiore forza l’interesse e l’impegno alla valorizzazione del territorio e del suo sviluppo. In fondo è il recupero di un rapporto che trae origine dal passato, un passato in cui sia i prodotti industriali sia quelli culturali derivano dallo stesso humus della realtà locale, in un’Italia dai mille campanili e dalle mille fabbriche.

L’obiettivo della ‘III Settimana della cultura d’impresa‘, che si sta tenendo in questi giorni (dal 22 al 28 novembre), organizzata da Confindustria sull’intero territorio nazionale, ha appunto lo scopo di mettere in evidenza le attività svolte dalle imprese nei confronti della cultura e, allo stesso tempo, di sensibilizzare il mondo imprenditoriale nei confronti di questi temi.

Anche Modena partecipa a questa importante iniziativa, al pari di realtà come Milano, Venezia, Firenze, Bergamo, Ivrea, Bologna, Roma, Bari, dove in questi giorni sono previste mostre, spettacoli teatrali, presentazioni di volumi, workshop.
L’Unione Industriali Modena ha organizzato due appuntamenti, entrambi nella giornata di venerdì 26 novembre 2004.
Il primo è un convegno dal titolo ‘I Musei aziendali’, che si terrà presso la sede dell’Unione in via Bellinzona 27/a con inizio alle ore 16.30.
Il secondo appuntamento è alle 21.15 in Duomo a Modena, dove si terrà un concerto per chitarra di Filomena Moretti, giovane promessa vincitrice di prestigiosi concorsi nazionali e internazionali. Considerata dal pubblico e dalla critica uno dei talenti più comunicativi della sua generazione, è stata nominata da una giuria di cento musicisti e operatori musicali tra le ‘rivelazioni dell’anno’ al Midem 2004 di Cannes.