Sondaggio Cna sui giovani imprenditori emiliano-romagnoli

Le idee, le informazioni, il capitale umano costituiscono risorse strategiche per imprese e territorio, fattori di successo che ne accrescono la competitività; le nuove generazioni imprenditoriali ci credono ed investono in questa direzione.

E’ quanto risulta dal sondaggio effettuato da Freni Ricerche Marketing a metà novembre per il Comitato Giovani Imprenditori della CNA Emilia Romagna su di un campione di imprenditori associati di età al di sotto dei 40 anni. Le risposte fornite nel sondaggio non lasciano dubbi: i giovani imprenditori della CNA sono i primi a scommettere sul valore della conoscenza, ad investire per creare un ambiente, interno ed esterno alle imprese, dinamico e innovativo.

Gli imprenditori under 40 della CNA in Emilia Romagna sono: 37.075 fra i titolari d’impresa (pari al 41 % del totale), soci (40%) e legali rappresentanti (19%); numero che rappresenta il 33% degli imprenditori associati. A livello del territorio, la percentuale maggiore è presente nelle province di Bologna (23% compresa Imola), Modena (20%) e Reggio Emilia (15%); seguono poi Forlì-Cesena (11%), Ravenna (9%), Ferrara (8%), Rimini (7%), Parma (5%) e Piacenza (2%). Per il 79% sono uomini e per il 21% donne; hanno in prevalenza (71,5%) un’età compresa tra i 30 ed i 39 anni. Il 38% guida un’azienda con meno di tre anni di vita. La natura giuridica delle giovani imprese è in maggioranza quella d’impresa individuale (65%), mentre quella di Snc riguarda il 18% delle imprese e quella di Srl l’8%. Il 24,3% delle imprese guidate da imprenditori con meno di 40 anni, sono artigiane. La maggior parte dei giovani imprenditori si occupa di costruzioni (28%), di trasporti e comunicazioni (10%), di servizi pubblici, sociali e personali (8%), di attività immobiliari, noleggi, informatica e ricerca (6%) ed il 5% di produzione e fabbricazione di prodotti in metallo.