Montezemolo: Cina, imprese investano, Governo aiuti

Sono ancora troppo poche le imprese italiane che scelgono di misurarsi con la sfida cinese, ma il ritardo accumulato dal nostro paese rispetto ai partner europei è frutto della “mancanza di una strategia di insieme che ha caratterizzato gli anni ’90. Occorreva un segnale di sistema come dimostra la presenza del Presidente della Repubblica”.

Da Pechino, dove sta guidando una maxi-delegazione composta da oltre 200 imprenditori, in parallelo con la visita ufficiale del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, il Presidente della Confindustria Luca di Montezemolo rilancia l’invito ad investire sulla Cina come economia di traino per il nostro sistema produttivo, a partire dallo stimolo offerto dalle Olimpiadi in programma a Pechino nel 2008.

“Per certe imprese lo sforzo che il Governo cinese farà per le Olimpiadi ha detto Montezemolo al termine di una conferenza stampa che ha di fatto inaugurato la missione – sarà molto importante. Ho visto l’impianto realizzato per la formula uno, che non ha rivali nel mondo. Ma credo che non si debba pianificare l’impegno delle imprese italiane finalizzandolo ad un appuntamento preciso, piuttosto occorre orientarlo ad una strategia di fondo che miri a recuperare il tempo perduto. Le aziende – ha rilevato – ci devono credere, debbono investire e il Governo deve dare il massimo supporto perché ritengo che la Cina per il futuro sia un vero mercato strategico seppur con tutte le difficoltà e i tempi lunghi. Ridurlo ad operazioni mordi e fuggi sarebbe sbagliato. Occorre una strategia di lungo termine”.