Donne in carriera ma infelici

Donne in carriera, ma sole ed infelici e in attesa dell’uomo dei sogni. Tanto che, per amore, sarebbero pronte a mettere da parte lavoro, successo e potere e dedicarsi esclusivamente a casa e figli. Sono sette su dieci ad aspettare il principe azzurro; sei su dieci pronte a fare le casalinghe.

A fotografare i sentimenti delle ‘teen manager’ è un’indagine del mensile Class, già in edicola, su 620 donne imprenditrici e libere professioniste di età compresa tra i 30 e i 45 anni.

Alla domanda ”Ti definiresti una donna felice?”, il 61% ha risposto ”no” (solo il 22% non ha dubbi, mentre il 17% dice di ”non sapere”).
Tra le cause di maggiore infelicità, il 64% ha indicato la solitudine (il 60% la perdita di una persona cara, il 56% la fine di una relazione), mentre il 31% associa ad un amore l’idea di felicità.

E ancora: il 72% delle donne intervistate ritiene che, anche se non si hanno più 20 anni, ”è giusto continuare ad aspettare il principe azzurro”. E, incontrandolo, di fronte ad una richiesta in tal senso, il 63% sarebbe disposta ad occuparsi ”esclusivamente” della casa e dei figli.
Ma come dovrebbe essere un uomo per fare felice una donna? Innanzitutto innamorato (secondo il 79% delle risposte), appassionato (per il 64%) e coraggioso (59%).