Filippi (FI) chiede abrogazione legge regionale condono edilizio

Il Consigliere Regionale di Forza Italia, Fabio Filippi, attraverso una Mozione presentata al Presidente del Consiglio Regionale Antonio La Forgia, ha dichiarato illegittima la seduta consigliare del giorno 8 ottobre 2004, seduta in cui si votò la Legge Regionale n. 23 del 21 ottobre 2004 “Vigilanza e controllo dell’attività edilizia ed applicazione della normativa statale di cui all’articolo 32 del d.l. 30 settembre 2003, n. 269, convertito con modifiche dalla legge 24 novembre 2003, n. 326”.

“La convocazione del Consiglio Regionale era stata prevista per i giorni 5, 6, 7 ottobre 2004 – afferma Filippi – mentre non era stato menzionato l’8 ottobre; giorno in cui l’assemblea consiliare decise di prolungare la seduta ed approvare in questo modo la famigerata legge regionale sul condono edilizio.”

Molti consiglierei regionali non furono avvertiti della proroga e quindi non parteciparono al Consiglio. “In questo modo – aggiunge Filippi – il voto è stato falsato e non può essere pertanto legittimo. Il sottoscritto aveva rilevato già in aula la non validità della seduta consiliare fissata il giorno 8 ottobre 2004, e oggi chiedo, attraverso una mozione regionale, che la Giunta dichiari illegittima la seduta consigliare del giorno 8 ottobre 2004 e conseguentemente abroghi la Legge Regionale n. 23 del 21 ottobre 2004 “Vigilanza e controllo dell’attività edilizia ed applicazione della normativa statale di cui all’articolo 32 del d.l. 30 settembre 2003, n. 269, convertito con modifiche dalla legge 24 novembre 2003, n. 326” applicando su tutto il territorio emiliano romagnolo la legge nazionale sul condono edilizio e di prorogare i tempi di presentazione delle domande fino al 31/01/05.”