Patata di Montese: 2 anni di ricavi superiori del 100%

Piace ai produttori e ai consumatori il marchio di tutela ‘Patata di Montese’, che fa parte del marchio collettivo ‘Tradizione e Sapori di Modena’, ideato dalla Camera di commercio e altri enti.

Lo afferma il Gal Antico Frignano e Appennino Reggiano (l’ente che gestisce le risorse del progetto comunitario Leader +) che, su incarico della Camera di commercio, controlla il rispetto del disciplinare di produzione, detiene e distribuisce gratuitamente il marchio ai produttori interessati.

“Quest’anno – riferisce il direttore del Gal Gualtiero Lutti – sono state 36 (cinque in più rispetto al 2003) le aziende agricole modenesi che hanno aderito all’iniziativa, per complessivi 35 ettari investiti a patata (l’anno scorso gli ettari erano 31,5). Nel 2004 il Gal ha distribuito 41 mila sacchetti marchiati con il logo camerale, per un totale di 3.500 quintali di ‘Patate di Montese’ immessi sul mercato. L’anno scorso erano state 25 mila le confezioni marchiate distribuite, per complessivi 2.250 quintali di prodotto. Visti i risultati, speriamo di marchiare in tempi brevi tutte le patate prodotte a Montese. Attualmente, infatti, la quantità confezionata con il logo camerale rappresenta il 50 per cento del totale prodotto, che nel 2004 si è attestato sui 7 mila quintali”.

La certificazione della Patata di Montese ‘paga’ anche in termini di redditività. Un’analisi del Gal Antico Frignano rivela che, rispetto ai prezzi di mercato delle patate non marchiate, negli ultimi due anni i ricavi sono stati superiori del 100 per cento. Tutto ciò è conseguenza del gradimento che la Patata di Montese incontra nei consumatori. Lo dimostra anche l’affluenza alla Sagra della Patata e il successo riscontrato nella grande distribuzione, con ordini arrivati persino da fuori regione.

“L’unico rischio che corre la Patata di Montese è l’insufficiente disponibilità a far fronte alle richieste. Per questo – conclude il Gal – nella prossima annata sarà necessario aumentare il quantitativo di prodotto marchiato”.