Modena: via C.Menotti, lavori terminati entro giugno

Entro giugno del 2005 saranno completati i lavori di riqualificazione della zona di via Ciro Menotti e viale Reiter affidati alla ditta Acea di Mirandola, con un costo complessivo per l’amministrazione comunale di 1 milione e 297mila euro.

Lo ha annunciato in Consiglio comunale l’assessore alla Mobilità Daniele Sitta, rispondendo a due distinte interrogazioni di Sergio Celloni (Udc) e Michele Barcaiuolo (An). Sitta ha ricordato che è stata realizzata la parte ciclabile di Ciro Menotti da via Morselli a Largo Garibaldi (circa 750 metri), compresi il rifacimento e la riorganizzazione dei parcheggi e la messa in sicurezza dei collegamenti ciclo-pedonali, eseguendo anche il nuovo sistema di illuminazione.
L’assessore, sottolineando che è già stata terminata la rotatoria all’incrocio tra via Ricci e viale Reiter, ha anche assicurato che entro aprile 2005 sarà completata la rotatoria all’incrocio tra via Trento e Trieste e via Muratori.

Tempi più lunghi sono invece previsti per la rotatoria tra Ciro Menotti e via Divisione Acqui. La rotatoria, che non rientra nei lavori dell’appalto, è infatti condizionata da procedure di esproprio che richiederanno circa sei mesi di tempo. In via Menotti, che sarà completamente ripavimentata, sono state inoltre messe a dimora 160 piante ad alto fusto.
“Valutati i risultati estremamente positivi riscontrati dall’intervento in esecuzione – ha aggiunto Sitta – l’Amministrazione intende destinare ulteriori risorse per il completamento della sistemazione di viale Reiter fino a via Tagliazucchi oltre a prevedere la riqualificazione di via Paolo Ferrari fino a ridosso del cavalcavia Mazzoni, collegando l’intervento di riqualificazione di via Mazzoni e Nicolò dell’Abate, completando così i percorsi ciclo-pedonali fino alla stazione ferroviaria”.

L’assessore ha quindi messo in evidenza che il parcheggio nella struttura del Mercato ortofrutticolo di via Menotti ha mantenuto inalterati i 140 posti disponibili, ma è ancora sottoutilizzato sia dai lavoratori del centro che dai residenti, poiché la presenza media nelle ore notturne è di 46 mezzi. Sulla possibilità di ampliare il parcheggio, infine, Sitta ha ricordato che esiste un vincolo della Soprintendenza per i beni ambientali e architettonici.