Sfruttava giovane ucraina: condannato a Modena

Un croato, Bogoslav Pasic, è stato condannato dai tribunale di Modena a 4 anni e 6 mesi di reclusione per sfruttamento della prostituzione. L’uomo aveva aveva costretto a prostituirsi una giovane ucraina. L’episodio risale al 2000.

La ragazza, all’epoca diciannovenne, era giunta in Italia con varie peripezie, attraversando la frontiera di nascosto nei boschi, ed era stata poi ‘comprata’ dallo sfruttatore, che di giorno la costringeva a stare in un albergo a San Cesario sul Panaro, e la sera la portava sulla via Emilia, alla Cavazzona di Castelfranco Emilia, a Zocca e San Cesario, tutte località del modenese.

La giovane doveva consegnare all’uomo tutto il denaro guadagnato in una serata, e veniva malmenata quando cercava di fuggire o ribellarsi. Il dramma è durato vari mesi, fino a quando la giovane ha deciso di uscire dal ‘giro’, e ha chiesto aiuto a un cliente che, forse animato da un sentimento nei suoi confronti, l’ha accompagnata a sporgere denuncia. La giovane è stata aiutata da una parrocchia e dai servizi sociali, mentre il suo aguzzino è stato catturato e, oggi, condannato in primo grado.