Mutui: cresce la voglia di mattone

Il mattone resta per la maggioranza degli italiani l’obiettivo di una vita o comunque una delle certezze fondamentali su cui poter investire. E l’attrazione tra casa e famiglia si evince dall’aumento incessante del ricorso ai mutui, che anche a dicembre scorso hanno mostrato una crescita di oltre il 20% rispetto a dicembre 2003.


L’incremento è generalizzato in tutta Italia, ma in base a quanto emerge dai dati contenuti nel bollettino statistico della Banca d’Italia, in alcune regioni c’è stata una vera e propria impennata superiore al 30%. E’ il caso di Sardegna e Campania, dove in un anno l’aumento dei finanziamenti concessi dalle banche alle famiglie per l’acquisto di immobili è stato rispettivamente del 33,9% e del 31,5%.

In totale i finanziamenti ammontano a circa 195 miliardi di euro (il 21,3% in più rispetto a dicembre 2003) di cui oltre 154 miliardi concessi alle famiglie per l’acquisto di abitazioni. Confrontando il dato con quello di dicembre dell’anno precedente l’aumento è stato anche in questo caso a due cifre, di oltre il 22,2%. Di questi 154 miliardi, la netta maggioranza rientra nel gruppo dei finanziamenti non agevolati (oltre 152 miliardi di euro).

La regione in cui più si ricorre alle banche per accendere un mutuo è la Lombardia. Il valore dei mutui accordati dagli istituti di credito alle famiglie lombarde per comprarsi casa ammonta ad oltre 36 miliardi di euro, praticamente lo stessa cifra accesa in totale da tutto il Nordest. La crescita nella regione è però percentualmente in linea con quella del Paese, pari cioè al 22,9%.

Più che mai amanti del mattone anche i laziali, che con 18,8 miliardi di mutui conquistano il secondo posto. Rispetto al resto degli italiani la voglia di casa cresce però leggermente di meno a Roma e nelle altre province, cioè del 21%. Il terzo posto va all’Emilia Romagna (16,1 miliardi), mentre al quarto si piazzano i Veneti (15,1 miliardi).