Modena: 130 bambini portano in scena la musica

Centotrenta bambini e ragazzi dai 5 ai 15 anni saliranno sul palcoscenico per illustrare a insegnanti e genitori le attività condotte nelle scuole per apprendere l’alfabeto della musica. L’occasione è offerta dall’appuntamento in programma domani alle 9.30 al Teatro Comunale di Modena per iniziativa di Regione, Provincia e Comune, dell’associazione regionale delle scuole di musica Assonanza, dell’Istituto Orazio Vecchi, della Fondazione Teatro Comunale e della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.

Il sipario si aprirà su danze popolari messicane e giochi sonori, su brani che si eseguono marciando, come avviene nelle bande di paese, e su musiche che richiedono l’improvvisazione o l’uso dei gesti e del corpo. Le insegnanti Margherita Zyigmunth, Antonella Chiuchiolo e Chiara Guerzoni illustreranno le esperienze condotte rispettivamente nelle scuole dell’infanzia Don Milani e Villaggio Giardino di Modena e Sergio Neri di Mirandola. Si tratta di percorsi che coinvolgono la parola e l’espressione corporea, la danza e il canto, la musica e la marcia. Paola Poggi, insegnante alla scuola elementare Buon Pastore di Modena, proporrà “Zia miseria”, fiaba della tradizione portoghese su musiche di Miguel Lladò narrata con voce, canto, danza e strumenti a percussione. Paola Poggi e Anna Cremonini illustreranno, inoltre, l’attività del corso speciale di propedeutica musicale dell’Istituto musicale Orazio Vecchi esaminando il rapporto tra musica e corporeità. Per il corso di didattica della musica è infine in programma un laboratorio di improvvisazione.

Nel pomeriggio, dalle 15 alle 18, l’auditorium dell’istituto musicale Orazio Vecchi ospita riflessioni e dibattiti sugli aspetti pedagogici e metodologici emersi dalle attività didattiche portate in scena al mattino. Il gruppo di lavoro sarà coordinato da Antonio Giacometti e Liliana Forti.

L’appuntamento dell’11 maggio al Teatro comunale è il primo incontro della quarta edizione di Rataplan, la manifestazione annuale dedicata alle scuole di musica e ai gruppi giovanili. L’agenda prevede un seminario per insegnanti con il pedagogista spagnolo Miguel Lladò, docente all’Università di Madrid (da mercoledì 15 a sabato 18 giugno alle scuole elementari Buon Pastore) e concerti di centinaia di giovani strumentisti dell’Emilia-Romagna il 2 luglio in piazze, chiostri e chiese del centro storico di Modena.