Sassuolo: liceo ed elettrodotto, rispettati tutti i limiti

A proposito delle osservazioni del consigliere Gabriele Giovanardi sulla nuova sede provvisoria del liceo Formiggini, negli spazi resi disponibili dalla parrocchia di San Giovanni Neumann, che si ipotizzano troppo vicini all’elettrodotto e quindi a rischio per la salute degli alunni, l’assessore ai lavori pubblici Sandro Morini replica con chiarezza che non esiste alcun problema e che tutti gli standard più rigorosi sono rispettati secondo le misurazioni effettuate.

“Giovanardi, forse preso dai problemi con la Lega nord, denuncia l’anticipazione della soluzione per il liceo sulla stampa locale, non ricordando che tutto l’argomento è stato invece ampiamente presentato alla commissione istruzione del giorno 20 aprile. Sede in cui tra l’altro, sono state fornite precise informazioni riguardo ai vincoli esistenti sull’area e in particolare, per quanto riguarda la presenza dell’elettrodotto e la fascia di rispetto prevista per legge. Ma tant’è, mi preme ribadire pubblicamente quanto segue.
Il Progetto rispetta tutti gli standard urbanistici vigenti, i vincoli di sicurezza e gli standard tipici degli edifici scolastici. Sull’area insiste un elettrodotto ad alta tensione e ci sono rigorosi vincoli da rispettare, contenuti in una direttiva regionale, che prevedono una soglia minima di rispetto e una soglia di qualità: la prima è di 0,5 microtesla, la seconda è di 0,2. Tutte le misurazioni effettuate, alla distanza esatta in cui sorgerà l’edificio realizzato dalla parrocchia, rispetto all’elettrodotto (57 metri), danno come risultato il rispetto della soglia di qualità, 0,2 microtesla. Non solo quindi il progetto rispetta i limiti previsti dalle direttive più restrittive, ma raggiunge anche il miglior livello di qualità, escludendo quindi ogni tipo di problema relativo alla presenza dell’elettrodotto”.