Mucca pazza: un caso nel reggiano

Dopo 20 mesi di assenza di segnalazioni di casi di Bse in provincia di Reggio Emilia, se ne e’ registrato uno, il quarto a livello nazionale nel 2005 (gli altri tre sono stati riscontrati a Brescia, Cuneo e Bergamo).


Il bovino risultato positivo – ha informato l’ Ausl di Reggio Emilia in una nota – e’ una vacca da latte di razza Frisona Italiana, di 5 anni, macellata l’ 11 maggio. La bovina e’ nata in un allevamento della provincia ed e’ stata avviata alla macellazione per scarsa produttivita’ di latte. Nei confronti dell’ allevamento sono stati adottati i provvedimenti di sequestro. Ora – ha precisato l’ Ausl – si sta procedendo alla valutazione degli animali nati in un arco temporale che va dai 12 mesi precedenti ai 12 mesi successivi alla data di nascita del bovino positivo e che dovranno essere tutti abbattuti (una ventina). Il latte dell’ allevamento sara’ distrutto fino alla data di abbattimento degli animali.


Dal 2001 a oggi il numero dei capi positivi e’ calato in modo consistente a livello nazionale: si e’ passati dai 50 casi registrati nel 2001, ai 36 del 2002, ai 31 del 2003, ai 7 del 2004 ed ai 4 casi dell’anno in corso.