Centro Storico modenese: l’animazione a 360°

Il Centro storico – afferma Amedeo Faenza Presidente Zona di Modena di Ascom Confcommercio – deve cambiare vestito ogni giorno per risultare appetibile ed offrire ai cittadini e ai turisti diverse iniziative e molteplici animazioni.

Creare eventi spettacoli animazioni aperte, all’interno del centro storico, possibilmente in più punti, che integrino e completino le funzioni dello stesso, creando opportunità per le attività esistenti, è questo l’obbiettivo che l’Amministrazione Comunale deve porsi se realmente vuole creare le condizioni di valorizzazione di questa importante parte del centro storico.

Per fare questo occorre sviluppare sinergie e percorsi condivisi con le attività insediate in centro storico, gli appuntamenti ai “Giardini Ducali”, pur in presenza di qualche strutturale anomalia, (giustificabile in quanto prima edizione), il Festival delle bande Militari, Suoniamo, Il festival della Filosofia vanno in questa direzione – continua Amedeo Faenza – finalmente si intravede la tendenza a ricercare un’integrazione mirata tra iniziative e servizi della città.

Il centro storico di Modena dovrebbe avere un suo cartellone di manifestazioni, non si deve avere la percezione di subire un’iniziativa, ma di realizzare un sistema dove tutti sono attori attivi, che si adoperano per l’ottenimento di un unico risultato, mantenendo il presidio del territorio per tutto l’arco dell’anno.

Quindi, crediamo opportuno sottolineare che sia questa la giusta strada da percorrere – conclude Amedeo Faenza – dove il confronto e coinvolgimento dovranno costituire il punto di partenza per diffondere l’aspetto propositivo di ogni iniziativa .