Spettacolo-parata ai Giardini ducali di Modena

Uno straordinario mix di arti circensi e acrobatiche dai grandi effetti pirotecnici, ispirato alle leggende cinesi e ai soggetti della cinematografia contemporanea asiatica. E’ questo, in sintesi, lo spettacolo-parata ‘La leggenda del Re scimmia‘, proposto questa sera alle 21.30 dal gruppo Naphtaline ai Giardini ducali estensi in corso Canalgrande, in occasione del secondo week end di “Oltre i giardini”.

La seconda giornata del secondo week end si apre alle 17 con lo spazio ragazzi condotto da Milena Paterlini dell’associazione culturale “Leggere Fare Giocare”, che da anni svolge laboratori ludico-scientifici in scuole e biblioteche avvalendosi della collaborazione di Editoriale Scienza, casa editrice di divulgazione scientifica per ragazzi.
Alle 18 saranno presentati i libri del giornalista Maurizio Pallante “Un futuro senza luce” (Editori Riuniti) e dello scrittore e ricercatore Fabio Orecchini “La società no oil” (Orme Editori).
Alle 19 il geologo Mario Tozzi, ricercatore al Cnr e conduttore della trasmissione televisiva Gaia, discute sul tema “Energia: è vero che il petrolio sta finendo?” con il direttore dell’Enel Maurizio Urbani, l’ingegnere nucleare Paolo Fornaciari, il fisico Rodolfo Cecchi e il responsabile Clima e ambiente del Wwf Ascanio Vitale, lo scrittore Fabio Orecchini e il giornalista Maurizio Pallante.
Alle 21.30, infine, i Naphtaline propongono lo spettacolo-parata “La leggenda del Re scimmia”, rappresentato per la prima volta a Oviedo, in Spagna, dove durante una parata per le vie della città è apparsa la scatenata tribù del leggendario Re Scimmia, capace di catturare l’attenzione di circa 3 mila spettatori.

Elemento principale dello spettacolo è il grande Drago cinese, un carro lungo 15 metri guidato dal dio Toro, che avanza minaccioso sputando fasci di luce e lunghe fiamme. La tribù delle scimmie, dai costumi variopinti e simbolici, segue disperatamente il suo Re, nato da un uovo di pietra e prigioniero del terribile dio Toro, e si esibisce lungo tutto il tragitto della parata con incredibili performance acrobatiche che coinvolgono il pubblico. Lo spettacolo finale è un adattamento del Pilgrim Monkey Myth (Il mito della Scimmia pellegrina), dove si narrano l’incontro con animali fantastici e divini, ostriche pirotecniche e folli cani cinesi, che appariranno improvvisamente esibendosi in tante piccole performance. Il tutto condito da musica asiatica e performance elettroniche suonate per l’intera durata della parata e nel corso dello spettacolo pirotecnico che chiude l’esibizione.
La serata ai Giardini ducali si concluderà con musiche e proiezioni a partire dalle 23.