‘Sassuolo musica festival’, fra riscoperta e modernità

Fra il Settecento e il Duemila, fra tragedia classica, opera e danza contemporanea, si aprirà il 24 giugno la sesta edizione del ‘Sassuolo musica festival‘. Tutti gli appuntamenti del festival si terranno del cortile del Palazzo Ducale. L’apertura, il 24, 26 e 28 giugno, sarà con l’ ‘Ifigenia in Aulide’ di Luigi Cherubini. A portarla in scena saranno gli allievi della scuola tenuta a Sassuolo da Beatrice Bianco.

Il 10 e il 15 luglio sarà la volta della danza, prima con il ‘Pilobolus dance theatre’, fra le più creative compagnie americane, poi con lo ‘Smuin Ballet’ di San Francisco, in uno spettacolo sulle musiche di George Gershwin.

L’attenzione ai classici ritorna nella sezione dedicata alla prosa, il 21 e 22 luglio con ‘Fedra’ di Seneca, nella versione realizzata da Edoardo Sanguineti e interpretata da Ida di Benedetto.

La chiusura del festival, il 24 luglio, sarà con la ‘Missa Solemnis pro Pace op. 71’, per soprano, baritono, coro, grande orchestra e pianoforte, composta nel 1944 da Alfredo Casella.