F1: Ferrari, Todt, il GP del Canada non rappresenta una svolta

Il direttore generale della Ferrari, Jean Todt, definisce il secondo e terzo posto ottenuto nel Gran Premio del Canada ‘un piacevole risultato, una prestazione incoraggiante. Fa bene alla squadra, ma il nostro obiettivo è arrivare primi e secondi, e in questa direzione, pertanto, dobbiamo continuare a lavorare’.

‘Questo risultato ci stimola a fare ancora meglio, certo, ma in questa stagione abbiamo già concluso in seconda e terza posizione altre volte: sfortunatamente però non siamo ancora riusciti ad arrivare primi, quindi continuiamo ad andare a caccia della vittoria’.

‘Non posso leggere il futuro: non so quando succederà, ma so che il nostro momento arriverà’, promette Michael Schumacher.
‘Felice’ Luca di Montezemolo: ‘Sono contento per i piloti e per tutta la squadra perché è un segnale forte – ha detto a margine di un incontro economico alla Borsa di Milano – Se pensiamo che dopo il primo giro Schumacher era sesto e Barrichello ultimo, la gara della Ferrari domenica a Montreal è stata una dimostrazione di forza e di affidabilità’.