A Bologna il festival ‘Le parole dello schermo’

Michael Cimino, Abbas Kiarostami, Carlo Mazzacurati, Claude Miller, Mario Monicelli, Alain Robbe-Grillet, Francesco Rosi, Volker Schlöndorff e Niccolo’ Ammaniti, Alberto Arbasino, Guillermo Arriaga, Alessandro Baricco, Stefano Benni, Daniele Del Giudice, Valerio Evangelisti, Barry Gifford, Claudio Magris. Saranno tra i registi e scrittori, oltre cento, ospiti del festival ‘Le parole dello schermo’, in programma a Bologna dal 28 giugno all’1 luglio, ideato dall’assessore alla cultura Angelo Guglielmi che l’ha presentato in una conferenza stampa.


Il primo appuntamento di letteratura e cinema, promosso e organizzato dal Comune e dalla Cineteca di Bologna, ”vuole essere un festival della visione e della lettura, delle immagini e delle parole, degli ospiti e degli incontri, popolare e colto, che sancisce la pari dignita’ artistica, ideologica e culturale fra letteratura e cinema”. Il ricco calendario prevede incontri tematici con registi, scrittori e critici, rassegne cinematografiche (nelle sale Odeon e Lumiere, e in piazza Maggiore), anteprime, eventi speciali, mostra dell’editoria. Gli incontri tematici, alla sala Stabat Mater e all’Oratorio di San Giovanni dei Fiorentini, saranno su ‘Invasioni di campo: i mutamenti dell’industria culturale tra editoria e cinema’ con Paolo Mauri; ‘Il caso Fandango’ con lo scrittore Jim Thompson; ‘Scrittori per caso’ con Filippo La Porta e Lorenzo Pavolini; Enrico Deaglio per ‘Memoria e politica’; con Corrado Augias che parlera’ di ‘Quanto devono i registi al cinema?’, con Guillermo Arriaga, Pino Cacucci e Alberto Crespi su ‘Gli scrittori al cinema’.

Variegati i temi dei cicli di proiezioni, in gran parte in versione originale con sottotitoli. Franco La Polla e’ il curatore di ‘America oggi: sguardi dalla letteratura al cinema’ e introdurra’ ‘America oggi’ di Altman, ‘The hours’ di Daldry, ‘Forrest Gump’ di Zemeckis. Andrea Camilleri e Cesare Sughi per ‘I postini di James M.Cain’ introduranno ‘Le dernier tournant’ di Chenal, le due versioni di ‘Il postino suona sempre due volte’ di Garnett e Rafelson, ‘Ossessione’ di Visconti. Dai romanzi di Thompson, Eraldo Affinati e Luca Briaschi presenteranno ‘Getaway’ di Peckinpah, ‘Rischiose abitudini’ di Frears, ‘Il fascino del delitto’ di Conreau, ‘Colpo di spugna’ di Tavernier. Da Philip Dick (a cura di Roy Menarini) previsti ‘Minority Report’ di Spielberg, ‘Atto di forza’ di Verhoeven, ‘Screamers’ di Duguay e, l’1 luglio in piazza Maggiore ‘Blade Runner’, il capolavoro di Ridley Scott che sara’ presentato dal sindaco Sergio Cofferati. La pellicola proiettata e’ stata prestata da Martin Scorsese, perche’ il film e’ stato ritirato dal mercato. Stefano Benni presentera’ ‘Lo scandalo e lo schermo’, con ‘Il diavolo in corpo’ di Autant-Lara, ‘Lolita’ e ‘Arancia meccanica’ di Kubrick; Goffredo Fofi per ‘La parola comica’ introdurra’ ‘Guardie e ladri’ di Monicelli, ‘Berlinguer ti voglio bene’ di Giuseppe Bertolucci, ‘Frutto proibito’ di Wilder, ‘Billy il bugiardo’ di Liar, ‘Un pesce di nome Wanda’ e ‘L’incredibile Mr.Holland’ di Crichton.


‘Tutto il giallo viene per nuocere’ sara’ il ciclo curato da Carlo Lucarelli per ‘Rebecca la prima moglie’ di Hitchcock, ‘La maschera di scimmia’ di Lang e ‘Il grande sonno’ di Hawks. Per ‘Una notte a Ginevra: notte gotica’ Valerio Evangelisti ha scelto ‘Gothic’ di Russell, ‘La cripta e l’incubo’ di Mastrocinque, ‘Il monaco’ di Kyrou, ‘I vampiri’ di Freda, ‘Vampirimus’ di Questi.
Previsti anche incontri con August, Cimino, Robbe-Grillet, Miller e Schlondorff. Evento speciale del festival sara’ la mostra fotografica ‘Sulle strade di Abbas Kiarostami’ che sara’ inaugurata il 30 giugno a Palazzo d’Accursio alla presenza dello stesso Kiarostami.

Il festival sara’ preceduto il 27 giugno all’Antoniano dei Frati Minori alle 19 da ‘Dal gambero nero a Big Night: un libro, una cena un film’, con ingresso a 10 euro (prenotazioni al numero 051-3940216). Lo chef Paolo Carati presentera’ ‘Il gambero nero’ un libro fotografico di Davide Dutto e Michele Marziani sulla cucina dei detenuti realizzato nel carcere di Fossano (Cuneo), a cui seguira’ un buffet preparato dai cuochi professionisti e dai detenuti/chef della Casa circondariale di Bologna che hanno partecipato al corso del Cefal, e infine la proiezione di ‘Big night’, di Stanley Tucci, commedia gastronomica ambientata negli anni ’50.


E’ previsto un abbonamento a 20 euro per 10 spettacoli in prevendita nell’Emporio della Cultura di Piazza Maggiore.