Formigine: 45 mila euro per la cooperazione

Borse di studio per una scuola agricola, adozioni a distanza, sostegno ai profughi, attività di doposcuola, costruzione di strutture ospedaliere, sociali e sanitarie. Sono questi alcuni degli interventi che verranno finanziati con i quasi 45 mila € che il Comune di Formigine mette a disposizione per quest’anno, nell’ambito delle proprie attività umanitarie e che si vanno ad aggiungere alle tante iniziative pubbliche e private di aiuti umanitari.

E’ stata infatti approvata la delibera di giunta con cui l’Amministrazione concede “Contributi a sostegno di iniziative culturali, sportive e socio-assistenziali” con la quale vengono stanziati fondi a favore di attività umanitarie e di relazioni internazionali.

“Formigine conferma con questa ennesima assegnazione di contributi – spiega il Sindaco di Formigine Franco Richeldi – la sua attenzione e la sua partecipazione ai problemi che affliggono il resto del mondo. L’alta qualità della vita che i nostri cittadini hanno la fortuna, e naturalmente il merito, di godere nel nostro territorio non deve oscurare le gravi difficoltà che invece popolazioni inermi sono costretti a subire in tante parti del mondo, a causa di calamità naturali, ma soprattutto guerre e politiche economiche internazionali ingiuste e restrittive”.



E’ “Rock No War” la prima associazione alla quale il Comune di Formigine ha destinato parte dei contributi che andranno a sostegno di progetti di aiuto ed emergenza causati all’estero da disastri naturali e soprattutto da conflitti, interni o internazionali. Permetteranno invece l’erogazione di 140 borse di studio per una scuola agricola in Brasile i fondi destinati all’Onlus “Modena Terzo Mondo” che ha elaborato un progetto destinato ad un centinaio di famiglie affinché i figli, studiando ed approfondendo le proprie conoscenze nel settore agricolo, non siano costretti ad abbandonare la loro terra. Raggiunge invece il Popolo Saharawi, profugo da oltre 30 anni nel deserto algerino, l’attività di un’altra Associazione, “Kabara Lagdaf”, che riceve il contributo formiginese per sostenere le attività di solidarietà e sviluppo che da anni vengono portate avanti.

Altri fronti sui quali il comune di Formigine interverrà attraverso il proprio contributo sono: il sostegno al doposcuola “Passo a passo” in Brasile (tramite l’associazione “Incontro 2000”); la costruzione di una scuola elementare per bambini sordomuti e non nello Sri Lanka ancora alle prese con i devastanti effetti dello tzunami (tramite “Cose dell’Altro Mondo”); progetti di cooperazione in Albania attraverso l’opera dell’Onlus Cefa di Modena; adozioni a distanza mediante l’opera della Parrocchia di Formigine e la possibilità, ogni anno, per quasi 500 bambini bielorussi, di godere di un periodo di risanamento presso il Centro “Il Cigno” attivato grazie all’Associazione “Chernobyl”.