Infortunio in cantiere Tav a Bologna

Un operaio di 43 anni ha subito l’amputazione parziale di un piede in un infortunio sul lavoro avvenuto verso le 8 nel cantiere Tav di via Carracci, a ridosso della stazione di Bologna, per la realizzazione dell’Alta Velocita’ ferroviaria sulla linea Milano-Napoli.


In base a una prima ricostruzione, la gru che l’uomo stava manovrando tramite un controllo remoto si sarebbe improvvisamente sbilanciata, forse a causa del peso delle traversine che stava trasportando, finendo addosso all’operaio che, nonostante il tentativo di scansarsi, e’ rimasto con un piede schiacciato sotto il mezzo. Soccorso da un’ambulanza del 118, l’uomo e’ stato trasportato all’ospedale Maggiore, in condizioni giudicate di media gravita’, ma con l’arto seriamente compromesso. Per spostare la gru e mettere in salvo l’operaio e’ intervenuta una squadra dei vigili del fuoco. La dinamica precisa dell’incidente e’ ancora all’esame della polizia ferroviaria.
Nel cantiere, aperto dal maggio scorso, e’ in corso la costruzione della stazione sotterranea e dei nuovi binari per Alta Velocita’.