Festival filosofia: la maratona del pensiero è inziata

La ‘maratona del pensiero’ e’ cominciata. A Modena, Carpi e Sassuolo ha preso il via stamattina la quinta edizione del ‘Festival filosofia’, dedicato quest’anno al tema dei sensi. Come sempre, l’argomento viene sviluppato attraverso lezioni magistrali (che sono il ‘cuore’ del festival) e iniziative collaterali, mostre, concerti, laboratori per i bambini e proposte curiose.


”Affronteremo il tema dei sensi dal punto di vista filosofico, certo, ma anche sotto l’aspetto scientifico, artistico, e perfino politico”, ha sottolineato Remo Bodei, docente di storia della filosofia e supervisore del festival.
”I sensi sono finestre sul mondo, ma sono finestre strette – ha aggiunto il docente – Sono senz’altro una grande fonte di ricchezza di stimoli per tutti noi, ma forse, nella societa’ moderna, abbiamo rinunciato a educarli”.

Gia’ questa mattina migliaia di studenti, arrivati da tutta Italia, hanno affollato gli educational tenuti nelle tre citta’, mentre nel pomeriggio hanno preso il via le lezioni aperte a tutto il pubblico: fra le prime, quelle di Francois Jullien e dello stesso Remo Bodei.
I ‘pendolari della cultura’ stanno facendo meta su Modena da ogni localita’: lo dimostrano le richieste di informazioni arrivate alla Fondazione San Carlo, che organizza il festival (con il patrocinio e il sostegno degli enti locali e della Fondazione Cassa di risparmio di Modena).


Sono numerose le iniziative singolari che accompagnano le lezioni dei maestri. Per esempio, alla stazione ferroviaria di Modena e in piazza Pomposa si rinnova l’esperienza delle panchine narranti, incontri ‘a tu per tu’, appunto in panchina, con alcuni personaggi che raccontano la loro vita e la loro esperienza: oggi c’erano, tra gli altri, una campionessa di pattinaggio artistico e un esperto intagliatore. Si inaugurano nel pomeriggio varie mostre, fra cui quella con le opere di Michelangelo Pistoletto alla Palazzina dei Giardini di Modena, e quella con le foto di Luigi Ghirri, affiancate alle opere di Giorgio Morandi, a Carpi. Molto richiesti anche i gadget del festival e una novita’, la cosiddetta ‘razione sufficiente’, un originale cestino del pranzo con i prodotti tipici modenesi, che viene venduto a un prezzo popolarissimo nelle tre localita’.


Fra gli ospiti di domani del festival, Stefano Rodota’, ex garante della privacy, che a Modena parlera’ del ‘grande orecchio’ di Echelon, Derrick de Kerckhove, canadese, grande esperto di mass media e comunicazioni ed ‘erede’ di McLuhan, e lo psichiatra Vittorino Andreoli, che sara’ a Sassuolo. In serata scattera’ anche la notte bianca dei ‘Tiratardi’, che si protrarra’ fino alle 5 della mattina successiva, con varie iniziative: a Modena ci sara’ anche Franco Battiato a presentare il suo ultimo film ‘Musikanten’, dedicato a Beethoven.

Gli organizzatori del festival hanno pensato anche a soluzioni alternative in caso di maltempo: le lezioni previste in piazza Grande a Modena saranno trasferite nella chiesa di S.
Carlo (in collegamento video con un vicino cinema), quelle di Carpi si terranno al teatro Comunale, e quelle di Sassuolo al Palazzo Ducale o al teatro Carani.