14 giugno: Giornata mondiale donatore sangue

Tutte le gocce sono importanti: l’utilizzo del sangue e dei suoi derivati”. Questo è il titolo del convegno con il quale a Modena, martedì 13 giugno, si celebra la giornata mondiale del donatore di sangue. L’iniziativa è organizzata dall’assessorato alle Politiche sociali della Provincia e dall’Avis. L’appuntamento è nella sala del Consiglio provinciale (viale Martiri della Libertà 34) per le ore 18,30.

E’ dal 2004 che l’Organizzazione mondiale della sanità ha proclamato il 14 giugno giornata del donatore di sangue e le principali organizzazioni per la donazione volontaria e non renumerata hanno scelto di unificare le celebrazioni e dare a questa data una dimensione mondiale.

“E’ quanto mai importante – sostiene Maurizio Guaitoli, assessore provinciale alla Sanità e alle politiche sociali chiamato ad aprire i lavori – che istituzioni e associazioni lavorino di concerto con iniziative tese a dare alta visibilità alla ricorrenza avendo come obiettivo comune e principale il fondamentale tema di una crescente sensibilizzazione sulle donazioni volontarie di sangue”.

Il presidente dell’Avis provinciale Maurizio Ferrari sottolinea come la particolarità modenese sia caratterizzata dalla completa raccolta di sangue e suoi derivati in ambito associativo. “Questo elemento – spiega Ferrari – è accompagnato da un altro dato estremamente positivo legato del numero dei donatori effettivi che sfiora quota 28 mila collocando per la prima volta la realtà modenese al primo posto fra le province della nostra regione. Per festeggiare questa giornata credo ci siano tutte le condizioni per rallegrarsene e per dare un giusto riconoscimento a tutti i donatori dell’Avis”.

Oltre a Maurizio Ferrari, al convegno interverranno Antonio Ragazzi, presidente regionale dell’Avis, Marisa De Palma, responsabile del servizio di medicina trasfusionale del Policlinico di Modena, e Giuseppe Torelli, direttore del servizio di Oncologia ed ematologia del Policlinico.