A Sassuolo “La Nostra Voce” si sente ancora meglio

Dal 1968 L’Associazione Modenese “La Nostra Voce” assiste, tutela ed accompagna nella
riabilitazione i pazienti laringectomizzati del Modenese con una gamma di servizi evoluta, differenziata e specializzata, in stretta collaborazione con l’Azienda USL: si va dal counselling pre, intra e post operatorio al disbrigo delle pratiche burocratiche all’assistenza domiciliare.

Per non parlare del primo centro italiano per la riabilitazione funzionale in acqua dei pazienti laringectomizzati. Ed inoltre la riabilitazione fonetica, che avviene presso sette scuole nei vari distretti, gestite dall’Associazione in convenzione con l’azienda Usl. Nei distretti di Vignola, Pavullo e Sassuolo, poi, una logopedista dell’Associazione esegue anche interventi domiciliari.


“Inoltre, siamo promotori di molteplici iniziative ed attività di educazione sanitaria e di prevenzione”
aggiunge Claudio Dugoni, presidente dell’Associazione, “collaborando da anni con i centri ospedalieri provinciali e con i medici specialisti, e tra questi con il Dr Gambelli ed il Dr Zanni del Nuovo Ospedale di Sassuolo, che da sempre supportano i nostri soci attivandosi per fornire consulenze personalizzate
nella fase postoperatoria. Ed è anche alla luce di questa consolidata relazione di collaborazione che
abbiamo accolto con entusiasmo la proposta di partecipare all’istituzione di una borsa lavoro per un
medico specialista che operi a Sassuolo all’interno dell’Unità Operativa di Otorinolaringoiatria, ma
svolga anche attività domiciliare, indispensabile per le esigenze di alcuni pazienti laringectomizzati”.
“In accordo con il dottor Livio Presutti, direttore dell’Unità Operativa di Otorinolaringoiatria del
Policlinico di Modena, la borsa lavoro a cui l’associazione La Nostra Voce ha contribuito con una donazione di 15.000 euro sarà ripartita tra due professioniste: la dottoressa Silvia Menabue e la
dottoressa Margherita Trani, che già operano presso il Policlinico” spiega il dottor Paolo Gambelli,
responsabile dell’Unità Operativa di Otorinolaringoiatria del Nuovo Ospedale di Sassuolo.

“A Sassuolo
le due dottoresse lavoreranno in reparto e svolgeranno visite endoscopiche all’interno dell’ambulatorio
di screening precoce per la prevenzione dei tumori alla laringe, oltre naturalmente ad occuparsi
dell’assistenza ai pazienti laringectomizzati.
Siamo particolarmente felici di questa iniziativa, che ci permetterà di partecipare in modo ancora più
efficace alle iniziative dell’Associazione La Nostra Voce, che lavora egregiamente sul territorio, sia nel
supporto ai pazienti laringectomizzati che nell’importantissima attività di prevenzione dei tumori alla laringe, diffusissimi tra i fumatori, e che possono essere combattuti più facilmente con un’adeguata opera di sensibilizzazione alla diagnosi precoce. Il prossimo obiettivo? Estendere, con l’aiuto delle due
dottoresse, l’attività dell’ambulatorio di screening per la diagnosi precoce dei tumori alla laringe, già
attivo in Ospedale, ai pazienti fumatori che ancora non presentano sintomi, in modo da massimizzare
l’attività di prevenzione.”