Bologna: chiusure alle 21, accolte richieste artigiani

Confartigianato Bologna esprime grande soddisfazione dopo l’incontro avuto questo pomeriggio in Comune con il Sindaco Sergio Cofferati che ha illustrato alle associazioni economiche i contenuti dell’ordinanza contro il degrado in via del Pratello e zona universitaria che sarà attiva in modo sperimentale dall’8 luglio al 30 settembre.

“Il Comune ha accolto le nostre richieste – dichiara il responsabile sindacale di Confartigianato Bologna Emanuele Monaci – confezionando un’ordinanza che sancisce un giusto equilibrio tra le necessità dei laboratori artigianali che operano nella zona e le esigenze dei residenti. L’Amministrazione ha concesso a gelaterie, pizzerie d’asporto, take away e alimentari di continuare il proprio lavoro dopo le 21 rinunciando alla vendita di alcolici, in qualsiasi contenitore, e di bevande analcoliche, limitatamente a quelle in vetro e lattine; il Comune si riserva, a fronte di eventuali eccessive violazioni delle nuove norme di rivedere la determina del ’99 che disciplina la materia. Come Confartigianato non possiamo che dirci soddisfatti di questo risultato raggiunto attraverso la concertazione, siamo i primi a chiedere interventi per la riqualificazione di queste zone ma siamo convinti che questo passi anche attraverso il contributo delle attività che vi operano e che concentrano il maggiore volume dei propri affari tra le 21 e le 24”.