Stasera a Loving Amendola si parla di ‘famiglia e accoglienza’

Si parlerà di “Famiglia e accoglienza” stasera al parco pubblico Amendola sud di Modena, e la cornice del dibattito sarà quella di un pic nic. I partecipanti sono invitati a portare il proprio cestino per cenare durante l’incontro, in un’atmosfera conviviale.

Un’ambientazione insolita, ma non poteva essere altrimenti per Loving Amendola – slow event, l’evento che dall’8 al 22 luglio offre l’occasione di vivere il parco pubblico all’insegna dell’incontro e della lentezza, attorno all’originale esperimento di una famiglia allargata che per due settimane si trasferisce al parco con tende e roulotte.

Il dibattito “Famiglia e accoglienza” con gli assessori Adriana Querzé e Francesca Maletti, responsabili rispettivamente di Istruzione e Politiche sociali nella giunta del Comune di Modena, vede anche la presenza di padre Giuliano Stenico del Ceis ed è in programma tra le 20 e le 21.30.

È dedicato invece ai più piccoli lo spettacolo interattivo “La bella addormentata”, che il gruppo teatrale Nido dei Venti propone alle 21.30. Lo spettacolo, che prende spunto dall’omonima fiaba rivisitata in chiave interculturale dallo scrittore Tahar Ben Jelloun, è per i bambini ma soprattutto con i bambini, che vengono direttamente coinvolti nella scena diventando piccoli attori. Punto d’incontro tra il laboratorio teatrale e lo spettacolo guardato, “La bella addormentata” trasforma i bambini in protagonisti dell’evento, contemporaneamente attori e spettatori di una messa in scena che hanno contribuito a creare.

L’ingresso all’area del Parco Amendola sud di Modena in cui sorge Loving Amendola è da via Panni per chi arriva in auto e da via Mantegna per chi è a piedi o in bicicletta.
Loving Amendola – slow event è promosso dalla Circoscrizione 3 Buon Pastore – Sant’Agnese – San Damaso in collaborazione con l’assessorato alle Politiche economiche del Comune di Modena, l’assessorato alle Politiche sociali della Provincia di Modena e il Ceis.